Comunicazione

Resoconto del Consiglio comunale del 17 aprile 2021

Oggi, sabato 17 aprile 2021, si è tenuto il Consiglio comunale, per questioni personali non ho potuto prendere parte ai lavori, ho però seguito i lavori via web al fine di poter realizzare il consueto resoconto.

Al primo punto all’ordine del giorno vi erano una serie di quesiti concernenti il progetto di raddoppio della linea ferroviaria e la realizzazione del cavalcaferrovia su via Anguillarese. Tutti i Consiglieri comunali che hanno preso la parola hanno di fatto ricalcato gli argomenti e segnalato le criticità che il mio gruppo, quello di Sinistra in Comune, denuncia ormai da un paio di mesi. Ciò a conferma che le osservazioni predisposte e rese pubbliche relativamente al progetto di RFI sono oggettivamente e tecnicamente valide.

L’Amministrazione comunale ha informato il Consiglio comunale di aver avviato un processo di valutazione tecnica del progetto che, come più volte chiarito dal gruppo tecnico di Sinistra in Comune (vedi questo articolo) rappresenta una grande opportunità per la nostra città, ma il il Comune si deve attivare a tutela dei diritti della collettività.

Se il Comune non si rende promotore di un’azione di coordinamento e concertazione con RFI e Regione, le conseguenze delle scelte progettuali le subiranno i cittadini residenti in prossimità della ferrovia

Stando alle parole della maggioranza l’ufficio tecnico comunale si sta interessando al fine di tutelare i diritti dei cittadini (in merito ai danni patrimoniale che subiranno i cittadini proprietari di immobili nei pressi della sede ferroviaria) e a tutela della collettività (a mio avviso troppo in ritardo). E’ stato evidenziato che RFI ha anche richiesto di rivedere il progetto della bretella Anguillara-Cesano al fine di recepire le esigenze del progetto di raddoppio della linea ferroviaria all’altenza dell’intersezione della futura bretella con Via della Stazione di Cesano.

Al contempo, come da molti evidenziato, è necessario tutelare gli interessi della collettività nella Zona ex Consorzio (stando al progetto di RFI tutta l’area a parcheggio verrà spazzata via da una delle due rotatorie sulla Via Anguillarese) ma anche (e soprattutto!) cercare di ottenere opere migliorative per Anguillara e opere di mitigazione dell’impatto acustico e ambientale delle opere infrastrutturali necessarie al raddoppio ferroviario.

E’ stata, poi, la volta della Mozione per adottare un regolamento che definisca i tempi, modi e tempi per l’utilizzo di animali in attività circensi nonché per disciplinare le aree comunali dell’arenile da destinare specificatamente agli animali. La mozione è stata approvata.

E’ stata poi la volta dei tanti documenti propedeutici al Bilancio di previsione, tra questi il piano triennale delle opere pubbliche. L’Amministrazione ha informato di aver provveduto ad una revisione dei progetti previsti nel piano. Evidenzio che l’importo previsto per i lavori alla scuola di Via Verdi (che con la nuova perizia in LC3 si aggira intorno a 270 mila euro) è stato lasciato quello preventivato dalla iniziale perizia in LC1, pari a circa 780 mila euro. Mi scuso ma non sono riuscito a comprendere la motivazione esposta dall’Assessore competente. Cercherò di farmelo spiegare a voce, dalla diretta web non è molto chiaro quanto esso afferma.

Durante la discussione sono state fornite informazioni in merito a:

  • è stato pulito il fosso su Via Pisa, successivamente si procederà alla sistemazione del fosso intubato sotto la strada al fine di riaprire la strada (chiusa nel tratto che da Viale R. Belloni imbocca su Via Pisa);
  • verrà a breve pubblicata una manifestazione di interesse per il project financing dell’ampliamento del cimitero esistente;
  • è stata presentata richiesta di finanziamento di un milione di euro per poter fare dei lavori consistenti su tutto il fosso che costeggia Via Pisa sino a Via di Santo Stefano;
  • è intenzione dell’Amministrazione procedere a sistemare i bagni pubblici (uno sito proprio all’incrocio tra Via Pisa e V.le Reginaldo Belloni) e uno che dovrebbe essere realizzato in prossimità del parcheggio Papi. La gestione degli stessi verrà affidata agli stabilimenti balneari. Successicamente il bagno all’altezza di Via Pisa (che da anni è in uno stato pietoso) verrà abbattuto:
  • lo Sportello Europa sta cercando finanziamenti (non sono in grado di fornire ulteriori informazioni su questo punto, la ritengo una informazione importante che – però – è stata “passata” senza ulteriori approfondimenti);
  • in merito alla pista di pattinaggio che si trova nella zona degli impianti sportivi è stato riferito che l’Amministrazione sta valutando il suo futuro utilizzo e gestione;
  • è stato quindi approvato il piano delle alienazioni senza alcuna previsione di alienazione. Questo perché verrà successivamente prodotto un piano delle alienazioni che, quindi, produrrà una eventuale modifica (che dovrà sempre passare in Consiglio comunale).

E’ stata quindi la volta del DUP (documento unico di programmazione, si tratta del documento che “descrive” cosa intende fare l’Amministrazione nel corso dell’anno conseguentemente all’approvazione del Bilancio). Ritengo che siano state dette tante cose belle che vi riporto così come enunciate (riassunte, ovviamente):

  • Bilancio fatto per cassa e con valutazioni prudenziali, questo perché la maggioranza ritiene che vi sarà un miglioramento delle entrate. Questo dovrebbe consentire di fare cose in più.
  • Ricostruire tempestività nei pagamenti (cosa che sinora riuscì solo all’Amministrazione Pizzorno, ndr) ciò anche per evitare contenziosi.
  • Ottimizzazione delle attività di riscossione e accertamento.
  • Facilitare la comunicazione tra Comune e cittadini.
  • Sviluppare una partecipazione dei cittadini nei processi decisionali.
  • Estinsione dei mutui (salvo che i lavori di Via Verdi non debbano essere fatti accendendo un nuovo mutuo).
  • Incrementare gli introiti con la lotta all’evasione.
  • Nuovi modelli di partecipazione dei cittadini (non ho capito come, ad essere sincero).
  • Miglioramento della comunicazione con i cittadini, a breve dovrebbe essere online il nuovo sito internet che sarà più semplice per il cittadino. Semplificazione ed efficientamento dei servizi.
  • Controllo capillare del territorio (urbanistico, commerciale, ambientale e tributario), ampliamento del comando di polizia locale. Polo della sicurezza. Piano delle telecamere per controllare i punti di accesso della città.
  • La nuova gara sui rifiuti prevede ulteriori fototrappole, ci sono state difficoltà in passato per il loro utilizzo che con il nuovo contratto di gestione dei rifiuti dovrebbero risolversi.
  • Cultura della legalità attraverso le scuole. Livelli di servizio adeguati per quanto attiene all’istruzione scolastica.
  • Il trasporto scolastico e la mensa sono affidati a terzi, l’obiettivo è migliorare i servizi, come il pagamento del servizio mensa per giorno oltre che mensile.
  • Rafforzamento del percorso alternanza scuola-lavoro. Coinvolgimento del Paciolo in un progetto che porterà le classi IV e V all’interno del Comune al fine di avviare un approfondimento per la comprensione della tutela dei beni pubblici.
  • Recuperare l’edificio di Via Verdi, ma anche la messa in sicurezza di tutti gli edifici scolastici.
  • Rapporto e collaborazione con Fidelia per la gestione della Porta del Parco.
  • Tutela e valorizzazione delle manifestazioni culturali e turistiche. Attivazioni di fondi regionali per la cultura e turismo. Avviare percorsi di finanziamento per promuovere manifestazioni culturali sia con la ProLoco, sia con le Associazioni locali, ma anche con l’Acqua Claudia.
  • Possibilità di visitare la Piroga anche mentre questa verrà restaurata (prossimi 18 mesi).
  • Organizzazione museale, individuazione di un direttore per l’istituzione di un museo.
  • Istituzione del Premio Anguillara al fine di valorizzare i nostri giovani talenti, un premio annuale per dare rilievo ai nostri giovani.
  • Valorizzazione delle Associazioni teatrali, rendere l’ex Consorzio un luogo utilizzabile tutto l’anno.
  • Migliorare l’attività sportiva e motoria delle scuole, sfruttare meglio le nostre strutture sportive.
  • Introduzione del pedibus.
  • Ripristinare la festa dello sport per mettere in collagamento tutte le nostre società sportive.
  • Mettere a disposizione della cittadinanza il centro sportivo di Ponton dell’Elce.
  • Il turismo dobrebbe essere la fonte economica principale di Anguillara, oggi è l’ultima.
  • Diversificazione fonti energetiche, la riqualificazione degli edifici pubblici deve tenere conto di questa esigenza.
  • Migliorare e potenziare la collaborazione con le realtà sovracomunali (Città Metropolitana e Regione Lazio).
  • Nuovi parcheggi in zona Vigna di Valle.

Non esprimo la mia opinione sull’elenco (bellissimo) qui sopra riportato, avrei preferito avere evidenza di quali delle tante belle cose sopra enunciate vedremo realizzate. Perché la mia esperienza mi porta ad affermare con una certa tranquillità che non si potranno fare tutte le cose sciorinate durante il Consiglio comunale.

In linea di massima è stato più volte ribadito che il Bilancio è stato redatto “per cassa”, con una approccio – cioè – prudenziale ma la maggioranza si ritiene ottimista che in futuro possano esserci ulteriori finanziamenti che permetteranno di “fare più cose”. Io me lo auguro con tutto il cuore!

L’Assessore competente per materia ha informato, poi, che le “delibere sulla rigenerazione urbana” sono pronte e potrebbero essere portate all’attenzione del prossimo Consiglio comunale (iniziativa sollecitata dal mio gruppo politico ad inizio Consiliatura).

In merito all’Asilo Comunale sono in arrivo agevolazioni tariffarie per il secondo figlio (come avveniva in passato ….) e una rimodulazione delle tariffe per rendere il servizio più accessibile. In merito ai servizi sociali è stato chiarito che a livello di bilancio è l’asset che ha subito meno razionalizzazione e di questo tutto il Consiglio ha espresso apprezzamenti.

Assistendo al Consiglio comunale da casa mi sono reso conto che viene sempre omessa la lettura dell’oggetto delle Delibere. Questo rende difficilissimo per chi segue da casa comprendere l’argomento (io ho l’Ordine del giorno, ma non tutti i cittadini lo hanno – seppur pubblico).

L’impianto generale del bilancio è troppo timido, sicuramente cauto, ma privo di coraggio. Il 2020 è stato un anno terribile, capisco la prudenza, ma “tarare” le voci delle entrare sugli importi a consuntivo dello scorso anno è davvero pessimistico. Le prospettive che abbiamo davanti (in particolare la fine della pandemia che tutti auspichiamo!), grazie al Recovery Plan ma anche grazie a tutte quelle misure che derivano dalla “transizione ecologica”, avrebbe dovuto spingere l’Amministrazione ad una pianificazione più coraggiosa. Così non è stato. E’ un diritto della Maggioranza decidere quale politica economica adottare, ci mancherebbe, ma se non ci saranno colpi di scena, finanziamenti extra, aiuti da enti sovracomunali o dallo Stato, dubito che assisteremo nel corso dell’anno ad un cambio di passo del nostro Comune. Anche qui, mi auguro con tutto il cuore di essere smentito.

Mi riservo di fare un ulteriore approfondimento sulle voci di Bilancio nel prosieguo dell’anno.

Enrico Stronati
Consigliere comunale
Sinistra in Comune